La rivoluzione di Erdogan, un’epurazione continua

Arrestati gli studenti che protestavano contro l’invasione turca di Afrin. Sospesi i deputati e cacciati gli intellettuali che osano parlare del genocidio degli armeni. Le leggi anti-terrorismo usate per arrestare veri e presunti dissidenti. Benvenuti nella Turchia di Erdogan, dove l’unica retorica ammessa è quella dell’educazione al “martirio”.